Green Dev. | ISO 50001 – Approfondimento
1869
page-template-default,page,page-id-1869,page-child,parent-pageid-1288,ajax_updown_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12.1,vc_responsive
 

ISO 50001 – Approfondimento

Il risparmio energetico ed economico si fa con una pianificazione di sistema.

Gestire le energie consumate con efficienza e oculatezza costituisce dunque, per qualsiasi impresa, un’opportunità necessaria nella direzione del successo.
Come però procedere in questa direzione con razionalità, senza disperdere investimenti, valorizzando le risorse presenti in azienda?

E’ oggi possibile ottenere i benefici di una corretta gestione energetica applicando la nuova norma europea EN 16001 – Sistema di Gestione dell’Energia, che ha lo scopo di definire i sistemi e i processi necessari per migliorare la propria efficienza. I vantaggi diretti per le aziende sono la riduzione dei costidei consumi e il contenimento duraturo delle emissioni di gas serra.

Molto spesso parlare di certificazione evoca processi burocratici complessi, con vantaggi non chiari e poco misurabili. Non è così con la norma EN 16001, che non implica la necessità di seguire rigidi vincolima permette di gestire sistemi e processi secondo il proprio livello organizzativo, ponendo obiettivi di risparmio rapidi e soprattutto tangibili.

La metodologia Green-Dev., sviluppata per contesti territoriali complessi quali territori comunali e pubbliche amministrazioni, attua una politica energetica aziendale che, partendo dall’analisi dei consumi energetici passati, presenti e di previsione per il prossimo futuro (costruzione del bilancio energetico aziendale del relativo inventario delle emissioni attuali e previste), vuole definire un preciso piano d’azione finalizzato e ridurre l’attuale spreco energetico dell’ambiente produttivo.

Dall’analisi dei consumi energetici, infatti, si ottengono informazioni utili per attivare processi di miglioramento continuo, attraverso interventi di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili (opportunamente scelti anche in relazione agli incentivi e alle agevolazioni previste a livello nazionale e regionale).

I consumi aziendali sono rapportati alla produzione o ad altri fattori che li influenzano suddivisi per attività come:

  • Processi trattamento aria (essiccamento, pressione, vapore)
  • Combustibili
  • Carburanti
  • Condizionamento
  • Riscaldamento
  • Elettricità
  • Illuminazione

Così come indicato nel comunicato dell’UNI, queste sono le principali finalità di una norma destinata principalmente a quelle imprese che si occupano di energia e ambiente sia in ambito pubblico che privato:

  • migliorare le proprie prestazioni energetiche in modo sistematico
  • organizzaresvilupparemantenere e migliorare un sistema di gestione dell’energia
  • assicurarsi che questo sia conforme alle proprie politiche energetiche dichiarate
  • ottenere la certificazione del proprio sistema di gestione dell’energia da parte di un’organizzazione terza
  • fare una auto-valutazione e una auto-dichiarazione di conformità alla norma

La norma è la naturale continuazione degli obiettivi proposti nella Direttiva 2006/32/CE attinente all’efficienza degli usi finali dell’energia e ai servizi energetici.

L’implementazione del pacchetto di norme permette di:

  • ridurre i consumi energetici
  • ridurre le emissioni di CO2
  • ridurre i costi energetici ed ambientali
  • sviluppare progetti bancabili
  • rispondere ai requisiti degli incentivi
  • allocare alle ESCo le garanzie di risultato

Per quanto concerne la metodologia operativa, la struttura della ISO 16001 riprende quella della 14001 e segue la metodologia del Plan – Do – Check – Act.
PLAN – Pianificazione
DO – Attuazione
CHECK – Monitoraggio e misura
ACT – Azione

La EN 16001 è uno standard europeo che si basa sulla metodologia Plan-Do-Check-Act:

  • Plan: vengono identificati i requisiti legislativi, gli obiettivi e i traguardi energetici [Politica del risparmio energetico], vengono definite le azioni di miglioramento continuo verso il risparmio energetico.
  • Do: vengono assegnate risorse e responsabilità, viene promossa la consapevolezza dell’organizzazione e la comunicazione interna ed esterna, vengono effettuate le azioni sistemiche, infrastrutturali e comportamentali previste nel Plan.
  • Check: viene stabilito un programma di monitoraggio, di audit energetici per verifica della conformità agli obblighi legali ed ai requisiti sistemici, infrastrutturali, comportamentali e vengono gestite le non conformità.
  • Act: revisione del sistema di gestione dell’energia per attuare miglioramenti resisi necessari dai riscontri acquisiti in fase di check.
ISO 50001 - Introduzione